Robert Rive

Noto per la sua attività fotografica in Italia nei decenni 1850 – 1880 circa, da documenti recentemente rinvenuti a Napoli, Robert Rive (1823ca. – 1888) risulterebbe originario della Prussia, trasferito Napoli nel 1850, dove con il fratello apre uno studio fotografico che fino al 1865 ha sede nel palazzo di Serracapriola.
Nel 1867 partecipa all’Esposizione Universale di Parigi. Ritrattista e vedutista, lavora con tutti i formati: medio, grande, album, carte-de-visite e stereoscopia e, già a partire dalla metà degli anni Cinquanta, realizza numorese campagne fotografiche, non solo a Napoli e dintorni, ma anche in Sicilia e in tutte le località turistiche più visitate dell’intera Penisola. Nel 1874 partecipa alla X Esposizione della Société Française de Photographie. è noto per aver brevettato (1867) una carta fotosensibile che, per le sue speciali caratteristiche di resa tonale, raggiunge immediatamente un ampio consenso commerciale.

Bibliografia: M. F. Bonetti con C. Dall’Olio e A. Prandi (a cura di), Roma 1840 – 1870. La fotografia, il collezionista e lo storico, Peliti Associati, 2008